Google+ Amazon apre al mondo della stampa 3D | A - Valore artigiano



_MG_0140

Il saper fare artigianale è stato uno degli elementi alla base del successo del made in Italy sui mercati internazionali. E’ stato quel qualcosa in più in grado trasformare generici prodotti in oggetti unici, desiderati dai consumatori.
Oggi il saper fare artigianale è ancora fondamentale ma deve essere aggiornato in ragione della profonda trasformazione che la globalizzazione ha comportato.
Il progetto Valore Artigiano, fortemente voluto da Confartigianato e CNA Vicenza, è nato come evoluzione di precedenti esperienze progettuali realizzate da entrambe le Associazioni e ha aiutato gli artigiani a valorizzare le proprie competenze in una chiave rinnovata.

IL PROGETTO
Il progetto si è articolato lungo tre principali direttrici:

DESIGN
Gli artigiani hanno avuto la possibilità di collaborare con designer internazionali nello sviluppo di nuovi prodotti che sono stati presentati al Fuori Salone del Mobile di Milano 2014.

E-COMMERCE
Gli artigiani hanno scoperto nuovi mercati e la vendita dei prodotti online.

STAMPA 3D
Gli artigiani hanno approfondito la loro conoscenza dei nuovi strumenti di produzione digitale.

Per ognuno di questi temi è stato attivato un laboratorio ne quale sono stati coinvolti 10 artigiani. Per ogni laboratorio sono stati previsti 8 incontri di approfondimento nei quali gli artigiani hanno applicato i temi affrontati alla loro realtà aziendale.

L’ESPERIENZA
Come si è concluso Valore Artigiano? Quali sono le impressioni di chi vi ha partecipato?
Nel video qui sotto i due coordinatori Marco Bettiol e Luca De Pietro ci guidano verso la definizione di artigiano di domani.

I NUMERI

127 partecipanti all’evento di presentazione del progetto alla Tessitura Bonotto di Molvena
205 partecipanti ai 3 Work shop sui temi del Design, Stampa 3D, E-commerce
42 imprese iscritte ai 3 Laboratori sui temi del Design, Stampa 3D, E-commerce
12 designer internazionali coinvolti per il Laboratorio del Design
46 prototipi realizzati con il Laboratorio Design con il marchio From To
216 visitatori tra buyer e opinion leader, all’ evento di presentazione su invito per la collezione From To a Palazzo Caccia Dominioni di Milano per il Fuori Salone del Mobile di Milano 2014
2000 visitatori tra buyer e giornalisti all’evento aperto per la collezione From To alla Residenza Litta a Milano per il Fuori Salone del Mobile di Milano 2015
Presenza sulle maggiori testate giornalistiche nazionali ed estere.

Mail Flickr Google+ YouTube
Amazon-Stampa3D

Amazon apre al mondo della stampa 3D

Tutto è cominciato a inizio 2014, quando l’accelleratore di startup UpTech chiede alle sue incubate di raggiungere determinati traguardi all’interno di un programma di crescita di sei mesi. Per la startup incubata 3DLT, una delle prime piattaforme e-commerce per la vendita di prodotti e design 3D-printing, uno di questi traguardi è proprio la vendita attraverso altri marketplace. Ha così iniziato a collocare i suoi prodotti inizialmente su eBay, e infine è approdata su Amazon. Il suo arrivo non è passato inosservato al grande colosso del web, che ha prontamente contattato la startup, “noi non abbiamo una sezione per i prodotti stampati in 3D”, dicono, “benissimo, vi aiutiamo noi a crearne una”, risponde 3DLT.

Tre settimane dopo parte un progetto pilota che coinvolge 3DLT e altre 4 startup simili per la creazione di uno store dedicato alla vendita di prodotti 3D-printed. 3DLT ha iniziato con un catalogo di 50 prodotti, per poi crescere rapidamente, tra cui cover personalizzate per iphone, gioielleria, oggettistica per la casa, ecc. Il progetto pilota di Amazon inizialmente comprendeva quattro categorie: gioielleria, oggettistica per la casa e decorazioni, giocattoli, accessori moda e tech.
Per la startup di Covington questa è indubbiamente stata un’opportunità enorme, che le ha permesso da un lato di consolidare le loro competenze di vendita online, creando una specie di startup nella startup e gestendo una complessità decisamente maggiore, e dall’altro di ottenere una visibilità fino a quel momento impensata, dati gli oltre 90 milioni di visitatori unici al mese che questo gigantesco marketplace totalizza.

Il progetto pilota ha dato i suoi risultati, e ha segnato una svolta nel mondo della vendita di prodotti stampati in 3D, che raggiunge ora il pubblico di massa, ridefinendo le dinamiche di mercato per tutti i produttori, designer e stampatori coinvolti, e non solo. A fine luglio Amazon ha annunciato il lancio ufficiale dello store di prodotti 3D-printed, e si è posizionata come first mover anche in questo segmento, ottenendo un vantaggio che tutti noi immaginiamo.
Per quanto riguarda i prodotti Amazon ha mantenuto le categorie del progetto pilota, aggiungendone una quinta per l’elettronica, e una sezione interamente dedicata alle “espressioni creative”, cioè a tutti quei prodotti personalizzabili dall’utente stesso.

Ma cosa vuol dire tutto ciò per i produttori e designer 3D? Semplice..un mercato più grande, un mercato globale, ma non solo, anche la possibilità di offrire al consumatore un’esperienza d’acquisto unica e personalizzata ad un prezzo accessibile per tutti. In questi ultimi anni si è tanto discusso del trend del secolo, la mass customization, cioè la possibilità per i produttori attraverso le nuove tecnologie di standardizzare la personalizzazione dei prodotti, facendo in questo modo percepire ai clienti un valore maggiore, ad un costo contenuto. Questo trend si declina perfettamente soprattutto attraverso il mondo della stampa 3D, che permette proprio di produrre on demand, in maniera personalizzata, in tempi brevi e agli stessi costi di una produzione di massa, cosa impensabile al di fuori di questa tecnologia.

E questo ci porta ad un’ultima scioccante considerazione: quando, e non se, il mercato dei prodotti 3D-printed raggiungerà il pubblico di massa, si raggiungerà anche la totale democratizzazione tra grandi imprese e piccoli artigiani, a livello sia di costi e processi di produzione ma soprattutto a livello di mercati esplorabili e domanda che è possibile soddisfare.

Questo sito usa cookies. Se continui a navigare ne accetterai l’uso. Cookie policy | Chiudi