Google+ La tecnologia a servizio dell’artigianato | A - Valore artigiano



_MG_0140

Il saper fare artigianale è stato uno degli elementi alla base del successo del made in Italy sui mercati internazionali. E’ stato quel qualcosa in più in grado trasformare generici prodotti in oggetti unici, desiderati dai consumatori.
Oggi il saper fare artigianale è ancora fondamentale ma deve essere aggiornato in ragione della profonda trasformazione che la globalizzazione ha comportato.
Il progetto Valore Artigiano, fortemente voluto da Confartigianato e CNA Vicenza, è nato come evoluzione di precedenti esperienze progettuali realizzate da entrambe le Associazioni e ha aiutato gli artigiani a valorizzare le proprie competenze in una chiave rinnovata.

IL PROGETTO
Il progetto si è articolato lungo tre principali direttrici:

DESIGN
Gli artigiani hanno avuto la possibilità di collaborare con designer internazionali nello sviluppo di nuovi prodotti che sono stati presentati al Fuori Salone del Mobile di Milano 2014.

E-COMMERCE
Gli artigiani hanno scoperto nuovi mercati e la vendita dei prodotti online.

STAMPA 3D
Gli artigiani hanno approfondito la loro conoscenza dei nuovi strumenti di produzione digitale.

Per ognuno di questi temi è stato attivato un laboratorio ne quale sono stati coinvolti 10 artigiani. Per ogni laboratorio sono stati previsti 8 incontri di approfondimento nei quali gli artigiani hanno applicato i temi affrontati alla loro realtà aziendale.

L’ESPERIENZA
Come si è concluso Valore Artigiano? Quali sono le impressioni di chi vi ha partecipato?
Nel video qui sotto i due coordinatori Marco Bettiol e Luca De Pietro ci guidano verso la definizione di artigiano di domani.

I NUMERI

127 partecipanti all’evento di presentazione del progetto alla Tessitura Bonotto di Molvena
205 partecipanti ai 3 Work shop sui temi del Design, Stampa 3D, E-commerce
42 imprese iscritte ai 3 Laboratori sui temi del Design, Stampa 3D, E-commerce
12 designer internazionali coinvolti per il Laboratorio del Design
46 prototipi realizzati con il Laboratorio Design con il marchio From To
216 visitatori tra buyer e opinion leader, all’ evento di presentazione su invito per la collezione From To a Palazzo Caccia Dominioni di Milano per il Fuori Salone del Mobile di Milano 2014
2000 visitatori tra buyer e giornalisti all’evento aperto per la collezione From To alla Residenza Litta a Milano per il Fuori Salone del Mobile di Milano 2015
Presenza sulle maggiori testate giornalistiche nazionali ed estere.

Mail Flickr Google+ YouTube
tecnologia-artigianato

La tecnologia a servizio dell’artigianato

Quando si parla di tecnologia ci si trova spesso di fronte a due schieramenti opposti: c’è chi la ritiene fondamentale e chi, al contrario, la vede come una minaccia.

La Tecnologia si è macchiata, a detta di molti, di vari peccati: ha reso sterili i rapporti umani, ha automatizzato il lavoro privandolo, molto spesso, di ogni creatività ed ha fatto sì che molte professioni scomparissero nell’oblio.Per l’artigianato, invece, è stata la classica “boccata d’aria fresca”: rivoluzionarie tecniche di fabbricazione riservate ad un mercato nuovo e in continuo movimento.

Il punto di forza della Digital Fabrication (stampa 3D, lasercut ecc.) e degli Opensource Hardware (Arduino, openPicus, Udoo ecc.) è l’innovazione unita all’uso di tecnologie eco(nomicamente)- sostenibili. La tecnologia si è messa a servizio della creatività permettendo soprattutto ai giovani makers di trovare un loro spazio nel mercato del lavoro.

Tuttavia, anche gli artigiani di vecchia generazione hanno tratto nuova linfa dalle nuove tecniche di lavorazione: con la stampa a 3D, ad esempio, un artigiano può realizzare lo stampo di oggetti da produrre a mano oppure realizzare una serie di creazioni prototipate a costi inferiori e con tempi molto più rapidi rispetto a quelli dell’artigianato tradizionale. Grazie al taglio laser, invece, è possibile ottenere oggetti dal design unico, totalmente personalizzabili e sopperire così alle richieste dei clienti più esigenti.

Manifesto di questa corrente è Make Tank, una start-up nata nel 2012 dalla menti di tre brillanti professionisti (una esperta di marketing, un avvocato e un ingegnere meccanico). Make Tank è un marketplace multi-vendor in cui decine di makers vendono le proprie creazioni; si spazia dai bijoux stampati grazie al 3D printing, alle lampade realizzate con taglio laser, agli innovativi ed accattivanti oggetti d’arredamento.

Laura de Benedetto, co-founder di Make Tank, a proposito delle innovazioni che hanno investito il mercato dell’artigianato parla addirittura di Rivoluzione affermando che: «che la Terza Rivoluzione Industriale è già arrivata; oggi ne stanno beneficiando soprattutto i designer autoproduttori, ma sarà il tessuto delle PMI tradizionali italiane a coglierne i principali benefici (prototipazione a costi ridotti, produzione di piccole serie, ecc.).»

Si tratta di una vera è propria rivoluzione del mercato del lavoro e del tessuto sociale destinata a modificare, non solo le fasi di creazione e realizzazione dei prodotti, ma anche le esigenze dei consumatori.

Questo sito usa cookies. Se continui a navigare ne accetterai l’uso. Cookie policy | Chiudi