Google+ Vendita online: nuove opportunità per gli artigiani italiani | A - Valore artigiano



_MG_0140

Il saper fare artigianale è stato uno degli elementi alla base del successo del made in Italy sui mercati internazionali. E’ stato quel qualcosa in più in grado trasformare generici prodotti in oggetti unici, desiderati dai consumatori.
Oggi il saper fare artigianale è ancora fondamentale ma deve essere aggiornato in ragione della profonda trasformazione che la globalizzazione ha comportato.
Il progetto Valore Artigiano, fortemente voluto da Confartigianato e CNA Vicenza, è nato come evoluzione di precedenti esperienze progettuali realizzate da entrambe le Associazioni e ha aiutato gli artigiani a valorizzare le proprie competenze in una chiave rinnovata.

IL PROGETTO
Il progetto si è articolato lungo tre principali direttrici:

DESIGN
Gli artigiani hanno avuto la possibilità di collaborare con designer internazionali nello sviluppo di nuovi prodotti che sono stati presentati al Fuori Salone del Mobile di Milano 2014.

E-COMMERCE
Gli artigiani hanno scoperto nuovi mercati e la vendita dei prodotti online.

STAMPA 3D
Gli artigiani hanno approfondito la loro conoscenza dei nuovi strumenti di produzione digitale.

Per ognuno di questi temi è stato attivato un laboratorio ne quale sono stati coinvolti 10 artigiani. Per ogni laboratorio sono stati previsti 8 incontri di approfondimento nei quali gli artigiani hanno applicato i temi affrontati alla loro realtà aziendale.

L’ESPERIENZA
Come si è concluso Valore Artigiano? Quali sono le impressioni di chi vi ha partecipato?
Nel video qui sotto i due coordinatori Marco Bettiol e Luca De Pietro ci guidano verso la definizione di artigiano di domani.

I NUMERI

127 partecipanti all’evento di presentazione del progetto alla Tessitura Bonotto di Molvena
205 partecipanti ai 3 Work shop sui temi del Design, Stampa 3D, E-commerce
42 imprese iscritte ai 3 Laboratori sui temi del Design, Stampa 3D, E-commerce
12 designer internazionali coinvolti per il Laboratorio del Design
46 prototipi realizzati con il Laboratorio Design con il marchio From To
216 visitatori tra buyer e opinion leader, all’ evento di presentazione su invito per la collezione From To a Palazzo Caccia Dominioni di Milano per il Fuori Salone del Mobile di Milano 2014
2000 visitatori tra buyer e giornalisti all’evento aperto per la collezione From To alla Residenza Litta a Milano per il Fuori Salone del Mobile di Milano 2015
Presenza sulle maggiori testate giornalistiche nazionali ed estere.

Mail Flickr Google+ YouTube
Ecommerce-Artigiani

Vendita online: nuove opportunità per gli artigiani italiani

Confartigianato rappresenta oggi più di 700.000 imprese e imprenditori appartenenti a 870 settori di attività, Digital Magics invece è una ventur incubator che partendo dalle idee più innovative fonda e costruisce internet startup da integrare nella digital economy italiana, mentre infine Ulaola seleziona prodotti rigorosamente italiani da poter promuovere all’interno del suo marketplace per gli appassionati di Made in Italy.

Confartigianato, Digital Magics e Ulaola; questi i nomi delle tre realtà che hanno deciso di unire le loro forze per conseguire uno scopo comune: favorire la digitalizzazione e l’internazionalizzazione dei prodotti dell’eccellenza italiana. L’obbiettivo dell’accordo firmato ieri prevede infatti di superare lo spread di piccole imprese italiane che vendono online (oggi fermo al 5%) e cercare di avvicinarsi quanto più possibile alla media europea che si aggira intorno al 14% e vede addirittura picchi del 22% come nel caso della Germania.

Dell’ importanza delle piattaforme e-commerce e di come queste possano incrementare le vendite permettendo di aprirsi ad un pubblico internazionale, ce n’eravamo accorti già da tempo; basti pensare al successo dei grandi come Amazon giusto per citare uno tra i più conosciuti.

Seguendo l’onda di un mercato in continua espansione e con rendimenti positivi, ciò che si prevede quindi all’interno di quest’accordo, è la possibilità per tutte le imprese associate a Confartigianato, di utilizzare Ulaola. Il mercato online in questione infatti è in grado di supportare anche le più piccole realtà produttive e raccogliere i prodotti di diversi venditori con lo scopo di aprir loro una vetrina online per vendere in tutto il mondo. Ognuna delle aziende presenti sul marketplace, avrà quindi la possibilità di trasmettere alla clientela internazionale i tratti distintivi e i valori dei propri prodotti aumentandone in modo esponenziale la visibilità.

Investire sul connubio Made in Italy-Ecommerce è quanto di più importante ci sia da fare in questo momento e il progetto fin qui considerato sembra davvero che voglia premere l’acceleratore sulla colonna portante dell’economia del nostro Paese. La produzione italiana, partendo dal settore del design per passare a quello della moda e giungendo fino al cibo, è infatti il biglietto da visita che da sempre ci contraddistingue agli occhi del mercato globale.

Per questo motivo e grazie alla consapevolezza delle nostre eccellenze oggi più che mai abbiamo bisogno di proiettarci verso il futuro e verso nuovi mercati. Soltanto sviluppando l’area export ed avendo una presenza virtuale le imprese riusciranno a raggiungere i nuovi consumatori dislocati in territori lontani tra loro.

Mondo digitale e artigianato, ormai lo sappiamo, possono andare d’accordo, ed ecco perché guardando a questa nuova iniziativa, ci aspettiamo davvero che possa rivoluzionare in positivo la situazione del nostro mercato. Poter affermare che Ulaola riuscirà ad essere un diretto concorrente di Etsy è ovviamente ancora prematuro, ma i presupposti per una crescita e per risultati di successo ci sono tutti. L’internazionalizzazione dei prodotti Made in Italy è realizzabile, e il nuovo accordo è la prova che ad oggi vale davvero la pena investire in questo settore.

Elena Bruni

 

Fonte immagine: Ulaola.it

Questo sito usa cookies. Se continui a navigare ne accetterai l’uso. Cookie policy | Chiudi